cosa vedere
La vacanza e' una cosa seria

In vacanza nella Repubblica Dominicana sulle tracce di Colombo

Pochi minuti di automobile sulla strada che ci porta a Santo Domingo e già sentiamo fortissimo il richiamo del mare. Prima di raggiungere la prossima tappa della nostra vacanza nella Repubblica Dominicana decidiamo così di regalarci un tuffo nelle acque turchesi di Boca Chica, una delle località più intatte della costa orientale.

Relax a Boca Chica

Vacanca nella Repubblica Dominicana Anche qui è possibile dedicarsi a diversi sport acquatici: canoa, nuoto o snorkeling, tanto per citare quelli che abbiamo visto praticare durante la nostra gita. Grazie alla presenza di un vasto tratto di barriera corallina, l'acqua è sempre calma e tranquilla, adatta anche per lunghe e romantiche passeggiate o per rilassarsi distesi e rinfrescati dalla tiepida acqua del Mar dei Caraibi. Il limpido sole del mattino illumina la baia di Boca Chica, regalandoci un'immagine da cartolina che non scorderemo mai.

Sulle tracce di Cristoforo Colombo a ritmo di bachata

Spesso il suo nome viene erroneamente usato per indicare l'intero Paese, forse perché qui risiede quasi un terzo della popolazione totale. La grande capitale Santo Domingo merita almeno qualche ora della vostra vacanza nella Repubblica Dominicana. Quando arriviamo il sole è già alto, la giornata calda e l'atmosfera caliente. Un po' ovunque risuona musica caraibica e il nostro orecchio ormai abituato inizia a distinguere il ritmo della bachata da quello del merengue. Non male per dei principianti che si sono avvicinati per la prima volta a questi balli proprio durante la loro vacanza nella Repubblica Dominicana.

Vacanca nella Repubblica Dominicana

La Repubblica Dominicana divide con Haiti la superficie dell'isola di Hispaniola, occupandone quasi i due terzi della superficie totale. Su queste spiagge Cristoforo Colombo approdò già nel 1492 e Bartolomeo, suo fratello, decise di fondarvi la prima città del Nuovo Mondo. Si chiamava Santo Domingo de Guzmán, crebbe senza sosta per più di 3 secoli e oggi è una città cosmopolita, allegra e coloratissima. Certo la città rappresenta meglio di qualunque altro luogo la difficile vita in cui si trovano costretti molti dominicani ma non avvertiamo mai una sensazione di pericolo. Nella Repubblica Dominicana le persone si sono abituate a vivere anche con poco e i loro sorrisi, specie quelli dei bambini, lo dimostrano.

Due passi nella storia

Più di L'Avana, Santo Domingo può essere definita la culla del colonialismo spagnolo nel Nuovo Mondo. La sua Zona coloniale è stata dichiarata Patrimonio Mondiale dell'Umanità dall'UNESCO e sono centinaia i monumenti visitabili. Passeggiare per le sue strade è davvero emozionante.

Visitiamo l'imponente Fortezza, protagonista di estenuanti resistenze agli assalti delle navi pirata, di cui si ricorda con particolare emozione quella contro il leggendario corsaro Francis Drake avvenuta nella seconda metà del 1500. Rimaniamo qualche minuto ad ammirare Faro a Colon, imponente mausoleo dedicato a Cristoforo Colombo e in cui si narra riposino ancora oggi le sue ossa. Sempre sulle orme di Colombo, visitiamo l'Alcazar, edificio costruito per volere del figlio dell'esploratore genovese e oggi sede del museo dedicato all'epoca coloniale. All'interno è possibile trovare ancora gli arredi dell'epoca mentre la guida ci spiega che per costruire questa magnifica opera vennero impiegati oltre 1.500 nativi ma nemmeno un chiodo!

Vacanca nella Repubblica Dominicana

Un'altra meta obbligata è la Catedral Metropolitana Santa Marian de La Incarnaciòn, la prima cattedrale americana, la cui costruzione iniziò nel 1521. A pochi passi si trova la bellissima Plaza de España, un luogo splendido intorno al quale si ergono oltre 300 edifici in stile gotico-moresco, che oltre alla loro bellezza ci impressionano per la vicinanza stilistica con certi edifici della Spagna meridionale, distante da qui migliaia di chilometri. Adesso possiamo davvero affermare che una vacanza nella Repubblica Dominicana rappresenta anche un intenso viaggio nella storia coloniale. Da segnalare il festival culturale Santo Domingo de Fiesta: da maggio a dicembre, ogni venerdì e ogni sabato, Plaza de España si anima con mostre e concerti.

...e quando scende la sera

Il nostro giro prosegue fra le vivaci stradine e i mercati cittadini, coloratissimi e divertentissimi, primo fra tutti il Modelo. Oltre a un po' di shopping, approfittiamo del tour per dedicarci all'assaggio di qualche ottimo rum locale, liscio, con Coca Cola o con Sprite (la bevanda così ottenuta prende il nome di Santo Libre, e dobbiamo dire che non è affatto male).

Rimaniamo a Santo Domingo ancora un po'. La città al tramonto si è tinta di una luce soffice e romantica e a noi non resta che lanciarci in qualche sfrenato e sensualissimo passo di bachata. Un, due, tre... la nostra vacanza nella Repubblica Dominicana si chiude così, ma il nostro è soltanto un arrivederci, ne siamo sicuri.

Vacanca nella Repubblica Dominicana