Le offerte e i prezzi pubblicati in questo sito sono soggetti a variazione, a seguito della verifica di disponibilità dei posti volo e della tipologia di camera richiesta che compongono il pacchetto (la variazione può avvenire nella fase di acquisto denominata “Il tuo preventivo”)

{{alert}}

Panorami mozzafiato ad Amman e dintorni

Siamo partiti da Amman, abbiamo percorso le strade intatte di Jerash, ammirato i mosaici di Masada e ci siamo persi nel magico panorama del Monte Nebo: scopri con noi la Giordania più antica e affascinante.

Rosa, rosso, lilla e poi ancora rosa. Le sfumature del paesaggio ci accompagnano durante la traversata che ci conduce alla capitale Amman, la base ideale per una vacanza in Giordania.

Partenza da Amman

Amman è una città piena di vita, dove la parte più popolare, una concentrazione impressionante di casette a uno – due piani, si distingue da quella più elegante della periferia, dove si passeggia in eleganti viali, palazzi e negozi alla moda.
Dopo aver preso alloggio nel nostro piccolo hotel, andiamo a piedi in centro, seguendo l’itinerario suggerito dalla guida da cui abbiamo preso spunti per gli itinerari della nostra vacanza in Giordania. Raggiungiamo presto il suo cuore antichissimo, ovvero la Cittadella, dove si trova tutto ciò che resta di quel che costruirono, in epoche successive, romani, bizantini e musulmani.

Temple of Hercules in Amman Citadel, Al-Qasr site, Jordan

L'anfiteatro romano in cui entriamo ci lascia a bocca aperta:

Recentemente restaurato, ha un’acustica straordinaria e ci appare enorme, un tempo in effetti in grado di accogliere più di seimila spettatori! Si trova proprio sotto l’acropoli che domina la città bassa e ci offre una vista meravigliosa sulle diciannove colline che la circondano.

Ma la zona più tipica di Amman rimane quella del mercato cittadino, un’esplosione di colore e folklore, dove i venditori ci assordano allegramente per venderci la loro frutta, strepitosa per aspetto e sapore.

Jarash, magica e intatta

Amman è il punto di partenza perfetto per le escursioni che abbiamo programmato per questa vacanza. In Giordania si trova Jarash, che raggiungiamo dopo un viaggio di 51 km a nord e dove viviamo un viaggio a ritroso nel tempo.

Il fascino di Jarash ci conquista perché nelle sue strade, strutture, teatri e templi perfettamente conservati la vita antica sembra essersi appena fermata, permettendoci di ammirare l’aspetto intatto di una città che fu fra le più ricche ed eleganti del suo tempo.

Entriamo nel suo cuore antico dopo aver percorso il cardo maximus, una lunghissima strada circondata da colonne che mostra ancora i segni dei carri. Ci porta fino alla piazza ovale del foro, che ci accoglie come doveva accogliere i suoi antichi abitanti, racchiusa dalle 56 colonne ioniche.

Da qui proseguiamo sulla scalinata che ci porta al Tempio di Zeus, ci voltiamo e scopriamo lo spettacolo della piazza antica più famosa del medioriente vista dall’alto.

Tutta la Palestina in un mosaico

Di nuovo storia nella tappa successiva della nostra vacanza in Giordania: a Madaba incontriamo quella bizantina.
La città è famosa per i suoi meravigliosi mosaici, conservati all’interno della chiesa San Giorgio.
Quello più grande (16×16 metri) e incredibilmente dettagliato rappresenta la pianta della Palestina, da Tyros fino all’Egitto e dal Mediterraneo fino al Giordano. Il motivo della creazione di questo stupendo capolavoro era di dare informazioni ai pellegrini sulla Terra Santa, in particolare su come raggiungere Gerusalemme (che vediamo al centro, con torri e porte).

Quest’opera del VI secolo ci introduce in una dimensione religiosa che vivremo ancora nel corso della vacanza. Un’altra Giordania ci aspetta a Monte Nebo, il luogo dove morì Mosè.

Uno sguardo verso la Terra Promessa

Si trova a pochi km da Madaba, in altura, un posto magico e misterioso in cui, secondo la Bibbia, Dio mostrò a Mosè la Terra Promessa e gli disse che non l’avrebbe mai raggiunta. Una vacanza in Giordania deve passare anche da qui, dove il paesaggio si fa montuoso e brullo ma anche molto affascinante e dove la leggenda vuole che Mosè fu sepolto.
Sulla cima del monte dove oggi c’è un monastero, troviamo il suo memoriale e anche un insieme di ricchi mosaici bizantini, che visitiamo curiosi.

Affacciandoci sulla terrazza dell’edificio capiamo perché la tradizione ha ambientato l’episodio in questo posto: da qui si gode di un stupendo panorama su tutta la valle del Giordano e in giornate particolarmente limpide si possono vedere, ci dicono, anche i colli di Gerusalemme.
Ma la nostra attenzione è già attratta da un riflesso blu profondo in lontananza: presto scopriremo i segreti del Mar Morto.

Eden Viaggi consiglia

Caricamento in corso