Golfo di oristano

Vacanze nel

Golfo di Oristano

Il Golfo di Oristano, dove il mare incontra una storia millenaria

La Sardegna è terra di misteriose leggende, antiche rovine, mari paradisiaci, rinomate specialità gastronomiche e, soprattutto, di una varietà paesaggistica senza eguali. E a Oristano tutte queste ricchezze sono fieramente rappresentate. Il Golfo di Oristano è un’insenatura di 22 chilometri bagnata dal Mar di Sardegna.

Il litorale non tradisce le aspettative che qualsiasi viaggiatore ripone sull’isola: spiagge candide bagnate da un’acqua argentea. Lo sguardo potrebbe già considerarsi sazio. Invece basta volgere le spalle al mare per accorgersi che poco lontano dalla costa sorgono boschi, montagne, pianure, parchi naturali e stagni abitati dai fenicotteri rosa. E in questo inatteso e variegato paesaggio si incontrano eleganti città barocche, caratteristici borghi, rovine fenicie e antichi nuraghi. Chi crede che la Sardegna sia solo mare, per quanto questo sia stupefacente, deve sapere che in realtà offre una grande varietà di attività naturalistiche, culturali ed eno-gastronomiche.

Prenota la tua vacanza a Golfo di Oristano. Scegli la tua meta
Arbus

Le migliori offerte per le tue vacanze nel Golfo di Oristano
Ci spiace, non abbiamo trovato nessuna proposta per la tua vacanza nel Golfo di Oristano. Ecco però cosa ti potrebbe interessare.
Lo sapevi che

La storia millenaria e le diverse civiltà che hanno abitato questa zona fanno del Golfo di Oristano una delle aree più affascinanti della Sardegna. La sua storia inizia da molto lontano. Esattamente all’Età del Bronzo, quando le campagne che oggi circondano la città divennero un importante centro nuragico e rimasero tali fino all’arrivo dei Fenici, intorno alla seconda metà dell’VIII secolo a.C.. A loro si deve la fondazione di una delle prime città della Sardegna occidentale, Tharros, che divenne anche la capitale. Ma la zona, vicinissima al mare, era troppo esposta agli attacchi e alle incursioni saracene e i suoi abitanti si spostarono presto verso l’entroterra, in un’area più facile da difendere. Così, nel 1070, fu fondata Aristianis – la futura Oristano – capitale del Giudicato di Arborea, una delle quattro province indipendenti della Sardegna. La città è ricordata per essere la base operativa di Eleonora d’Arborea, eroina antispagnola del XIV secolo e promulgatrice della Carta de Logu (il codice di legge datato 1392). Gli sforzi di Eleonora non furono sufficienti a proteggere il territorio dal controllo aragonese che decretò l’inizio di un periodo molto buio, di peste e carestia. Le sorti della città si risollevarono solo molti secoli dopo, più precisamente dal 1820, con la costruzione della strada che collega Cagliari a Porto Torres e con i successivi progetti di bonifica voluti da Mussolini.