Caravaggio e Malta: tutti i luoghi e le opere dell'artista sull'isola
19.05.2022

Poetica e variopinta, in costante equilibrio fra passato e presente: Malta è davvero un’isola straordinaria! La sua bellezza incanta chiunque la visiti, e grazie alle sue tante attrazioni è diventata una delle mete più ambite di tutto il Mediterraneo. Le belle città sono un crocevia di civiltà diverse, e le campagne sconfinate si aprono su luoghi leggendari e templi misteriosi. Non è un caso, infatti, se nel corso dei secoli Malta è riuscita a incantare poeti, artisti e intellettuali di ogni tipo. Il rapporto dell’isola con Michelangelo Merisi, noto in tutto mondo come Caravaggio, è stato particolarmente forte. Qui, il geniale pittore trovò asilo dopo essere scappato da Roma, e visse i suoi ultimi anni dipingendo alcune delle sue opere più famose. Un viaggio a Malta non può dirsi completo senza una visita ai suoi capolavori! Volete saperne di più? Continuate pure a leggere per scoprire tutto sulle opere di Caravaggio a Malta, e preparatevi a partire alla volta di quest’isola meravigliosa!

Cenni storici

L’incontro fra Malta e Caravaggio avvenne per necessità. Il pittore approdò sulle coste dell’isola nel 1607 dopo una serie di rocambolesche avventure. A seguito di un’accusa di omicidio a Roma, infatti, Caravaggio fu costretto a scappare e partire alla volta di Malta, nella speranza di chiedere asilo. Fu ordinato Cavaliere e visse a Malta per un anno, dove ebbe modo di dipingere alcune delle sue ultime opere. La sua felicità, però, fu momentanea: a seguito di un litigio con un altro Cavaliere, Caravaggio fu cacciato anche da Malta e riparò a Napoli, dove dipinse la sua ultima opera e morì. La grandezza delle sue opere, ricche di contrasti, sembra quasi richiamare il conflitto interiore che lo aveva inseguito per tutta la vita. Le tele “Ritratto di Alof de Wignacourt”, e “L’Amorino Dormiente”, pur essendo state dipinte nel periodo maltese, si trovano rispettivamente nel Musée du Louvre di Parigi e nella Galleria Palatina di Firenze. Le sole, magnifiche opere da ammirare a Malta sono “La decollazione di San Giovanni Battista” e “San Girolamo scrivente”. Alcuni pensano che queste due opere presenti a Malta rappresentino il testamento spirituale dell’artista, e la loro bellezza incanta ancora oggi.

La decollazione di San Giovanni Battista

Le tele del Caravaggio rimaste a Malta si trovano all’interno della Concattedrale di San Giovanni Battista: un piccolo tesoro di arte barocca, nel cuore stesso del centro storico. La “Decollazione di San Giovanni Battista” rappresenta uno dei suoi lavori più grandi: misura, infatti, più di tre metri di altezza per cinque di larghezza. L’imponenza della scena, però, sta tutta negli impressionanti chiaroscuri, di cui Caravaggio è sempre stato il maggior maestro. Una scena dinamica e tragica, che colpisce per i suoi colori vivi e brillanti in pieno contrasto con le grandi ombre. 

San Girolamo Scrivente

Caravaggio aveva dipinto più volte la figura di San Girolamo, ma lo struggente ritratto del Santo che ebbe modo di creare a Malta fu l’ultimo a lui dedicato. I colori splendenti, in contrasto con la figura vecchia e affaticata del Santo, contribuiscono a creare una scena viva e delicata al tempo stesso. Un ritratto quasi dolce, molto diverso da opere ben più cruente dell’artista, e che sembrano quasi presagire il suo prossimo destino. Un capolavoro che, visto dal vivo, vi regalerà delle emozioni indimenticabili!

 

Le migliori offerte per le tue vacanze a Malta