Grotte di Zinzulusa: un capolavoro della natura unico al mondo!
03.05.2022

La Puglia è una delle regioni più amate d’Italia, e una delle mete più ambite al mondo: la sua storia, le splendide città, l’ottimo cibo e la calorosa accoglienza sono solo alcuni dei tanti elementi che la rendono unica. Fra luoghi leggendari come il Castel del Monte o i Trulli di Alberobello ci sono anche delle mete naturali di straordinaria bellezza come, ad esempio, le Grotte di Zinzulusa. Si trovano nella subregione del Salento, una delle zone più belle del litorale adriatico. Questa piccola penisola e offre alcuni dei panorami più belli che possiate immaginare: spiagge di sabbia bianchissima, mari cristallini e natura rigogliosa saranno parte integrante del vostro viaggio! Volete saperne di più? Continuate a leggere per scoprire tutto quello che c’è da sapere sulle Grotte di Zinzulusa, e preparatevi a partire con noi per una grande avventura!

 

Castro Marina

Le Grotte di Zinzulusa si trovano a Castro Marina, che rappresenta uno dei centri abitati più antichi di tutto il Salento. I primi insediamenti umani, infatti, risalgono alla preistoria e hanno avuto origine proprio nelle grotte. Castro sorge in cima a una scogliera, ed è stata costruita a picco sul mare: dalle sue mura si può godere di un panorama straordinario! Una passeggiata al centro storico di Castro può rivelarsi un ottimo modo per scoprire la sua storia e le sue bellezze più caratteristiche, come l’imponente Castello Aragonese. Dopo le grotte, quest’ultimo rappresenta uno dei punti più affascinanti di tutta la città. Da vedere!

La storia

La Grotta della Zinzulusa vanta una storia lunga e appassionante, così come il lungo processo che ha portato alla sua formazione. Castro è circondata dalle grotte di origine carsica che, in epoche remote, sono state anche abitate dagli antenati della zona. L’intera costa è disseminata di queste formazioni, più o meno particolari, che regalano una vista affascinante a chiunque le visiti. Quella della Zinzulusa è forse la più famosa e visitata, anche per la sua grandezza. È stata scoperta più di 150 anni fa, ma è solo intorno agli anni ’50 del Novecento che è stata aperta al pubblico grazie all’allestimento di un percorso calpestabile in grado di facilitare le visite.

Formazione e curiosità

La Grotta della Zinzulusa deve il suo nome alla parola “zinzuli” che, nella lingua locale, vuol dire letteralmente “stracci”. Questo nome è dato dalla forma delle stalattiti che affollano la grotta e che danno l’impressione di essere appese come, appunto, degli stracci. Immergervi lungo il percorso vi darà la sensazione di camminare fra rocce quasi liquide, in una straordinaria illusione ottica che ha affascinato i tanti visitatori della grotta fin dalla sua apertura. È la vista che offre a rendere tanto famosa questa grotta: se dal punto di vista geologico rappresenta un caso unico al mondo, le sue camere interne vi lasceranno a bocca aperta! Le tre camere principali si sviluppano in un percorso di oltre 150 metri. La Conca è la prima che incontrerete, caratterizzata da stalattiti e stalagmiti che si uniscono in una vista unica. La seconda cavità, nota come “Duomo”, presenta un aspetto più compatto, così come la sala del Cocito che, a differenza della sala del Duomo, vanta anche un lago interno dalle acque purissime. Un sogno tutto da ammirare!

Le migliori offerte per le tue vacanze in Puglia