Le spiagge del nostro sud
27.07.2016

Puglia, Calabria e Basilicata. Così vicine e così diverse. Spiagge incantevoli e mare pulito. Il fascino di luoghi da sogno e scenari da cartolina, a portata di mano. Si può girare il mondo in lungo e in largo, ma è un dato di fatto che l’Italia sia ricca di splendide spiagge spesso poco distanti da dove abitiamo. Il sud del nostro paese, in particolare, è un vero e proprio scrigno di tesori tutto da scoprire.

Marina di Ugento: passione salentina

Marina di Ugento è nel cuore del Salento meridionale, fra ulivi secolari e fitta vegetazione. In questa zona si trova la natura incontaminata e selvaggia della riserva de Le Cesine, apprezzata per la sua straordinaria varietà di scenari: bosco, macchia mediterranea e persino paludi. Qui le spiagge sono di sabbia fine, lambite da acque azzurre e cristalline, in una cornice che ricorda i Caraibi.

Il tratto costiero di Torre San Giovanni è caratterizzato a nord da scogliere basse e aree sabbiose, particolarmente apprezzato da chi fa snorkeling, mentre procedendo verso sud si incontra un’ampia spiaggia che si estende per alcuni chilometri, protetta da pini e dune naturali. Qui la sabbia è fine e il mare è azzurro, indicato per lunghi bagni e per i bambini che possono nuotare in tutta sicurezza grazie al fondale basso. Un’altra spiaggia da non perdere è quella di fine sabbia grigia che si estende nei presi dell’abitato di Torre Mozza, dominato da un’antica torre Cinquecentesca. Qui si possono vedere alcuni canali che si collegano a laghetti salati artificiali, ultimi testimoni delle imponenti opere di bonifica avvenute ai primi del Novecento e che oggi costituiscono un ecosistema complesso e affascinante. Per raggiungere invece Lido Marini bisogna procedere di qualche chilometro a sud di Torre Mozza. Qui l’arenile è costituito da ampie spiagge di sabbia fine ed un mare trasparente dai bassi fondali. Andando ancora verso sud – poco prima di Capo di Leuca – si incontrano basse scogliere interrotte irregolarmente da piccole spiagge sabbiose. Quest’area è amata da chi pratica diving per la bellezza dei fondali che si trovano a poca distanza dalla costa e popolati da una fauna meravigliosa e una vegetazione coloratissima.

In Basilicata. Le spiagge di Marina di Siri

Case bianche e verde rigoglioso - ad appena un’ora di strada da Matera - proprio di fronte al Mar Ionio. Non sono in molti a conoscere la costa che si affaccia di fronte all’antico paese di Nova Siri, una delle più importanti città dell’antica Magna Grecia. Proprio nel tratto costiero di questo paese lucano c’è Marina di Siri, che vanta una superba spiaggia dorata, incorniciata dalle montagne e dal mare blu. In questa parte di Basilicata - compresa fra la Puglia e la Calabria - si trovano spiagge perfette per godersi il mare e riposarsi in tutta tranquillità. La costa sabbiosa è ricca di dune naturali, punteggiate dal verde della macchia mediterranea. Per le spiagge c’è solo l’imbarazzo della scelta: dall’intrigante e attrezzatissima Spiaggia di Metaponto, con importanti resti archeologici che raccontano il suo antico passato, alla spiaggia di Scansano Jonico, tra le foci dell’Agri e del Cavone, una vera perla dello Ionio. Qui spiagge sabbiose e mare cristallino si coniugano con il verbo esplorare, vista la vicinanza con Matera e i suoi celebri ‘Sassi’ e l'Area Archeologica della città di Metaponto, dove vedere lo splendido Tempio di Hera, quello di Apollo, di Artemis e il superbo teatro. Chi ama il trekking e vuole alternare il mare con la montagna, deve ricordarsi che da Nova Siri si raggiunge in un’ora e mezza di auto il vasto Parco Nazionale del Monte Pollino, una vasta area protetta, poco conosciuta, ma straordinaria per ogni genere di avventura in montagna.

A Isola di Capo Rizzuto, la perla della Calabria

Isola di Capo Rizzuto: chi ci abita la chiama semplicemente l’isula, anche se in realtà è un promontorio piuttosto esteso. Difficile dar loro torto, dato che quando si arriva da queste parti sembra proprio di trovarsi su di un’isola. A meno di quindici minuti di strada dalla splendida Crotone, le spiagge sabbiose e il mare cristallino che si trovano in questo promontorio sono fra i tesori più preziosi del sud del nostro paese. Qui ci sono ben 34 chilometri di costa composta da arenili sabbiosi, scogliere e calette nascoste. Un vero e proprio paradiso per gli amanti dello snorkeling e delle immersioni per via degli splendidi fondali e della presenza di numerosi relitti e siti archeologici. Da anni in queste aree è stata istituita l’Area Marina Protetta per preservare l’eccezionalità dei fondali. Si può seguire un vero e proprio percorso di archeologia subacquea nel tratto di mare a sud del quattrocentesco Castello Aragonese di Le Castella, oppure osservare la rigogliosa vegetazione marina che riveste il relitto del Bengala: una nave da trasporto a vapore affondata nel 1889. In pochi chilometri si trovano tantissime spiagge incantevoli, adatte ad ogni stile di vacanza. Dalle ampie spiagge di Capo Bianco, di sabbia chiara finissima con un mare talmente azzurro da far pensare di essere ai tropici, a Le Cannella, dalla sabbia rossa e acque trasparenti. Si può scegliere anche fra la spiaggia di Sovereto, incorniciata dalla macchia mediterranea e con un mare limpidissimo, o la spiaggia dei Cavallucci che alterna sabbia e scogli in un golfo dalla sabbia fine e rossa. La spiaggia di Capo Piccolo si trova in una baia immersa nel verde il cui arenile è composto da una lunga distesa di sabbia dorata che degrada dolcemente in un mare limpido. Qui il fondale è basso ed è adatto per i bambini e per chiunque stia cercando mare e relax fra il verde della macchia mediterranea.