Oman: l'eremita del Medio Oriente
16.02.2016

Una terra stupefacente

Il Sultanato dell’Oman, il terzo Paese per grandezza della Penisola Arabica, è una terra stupefacente, punteggiata di aspri rilievi, oasi rigogliose, antichi forti, quieti villaggi di pescatori, lunghe spiagge lambite da acque turchesi e trasparenti dell’Oceano Indiano

La capitale Muscat

La capitale Muscat, una delle più antiche città del Medio Orien­te, rispecchia l’atmosfera ancora in parte tradizionale di tutto il Paese e incanta con il fascino arcano e autentico che pervade la zona del porto, le antiche mura, la residenza del sultano, l’architettura dei forti, i profumi del bazar. La Grande Moschea del Sultano Qaboos, la terza più grande del mondo, custodisce un tappeto persiano di 70 metri, tessuto a mano per quattro anni da 600 tessitrici. Mutrah Souq, il mercato sull’elegante lungomare, potrete ammirare vestiti tipici, gioielli, tappeti, ceramiche, i caratteristici khanjar, pugnali ricurvi dal fodero in argento o avorio decorato, e inebriarvi di profumi di spezie, incenso e oli essenziali.

Il fascino di paesaggi sempre diversi e inaspettati

Attraverso un paesaggio dove si susseguono rilievi montuosi, dune color miele, profondi canyon, palmeti e spiagge, si in­contrano città dai mirabili esempi di architettura islamica e favolose oasi come Wadi Bani Khalid, con le sue fresche pisci­ne naturali tra palme e scogliere. Da non perdere Bahla, antichissima città fortificata da mura; Nizwa, capitale del paese dal sesto al settimo secolo, rinoma­ta per le lavorazioni in oro ed argento, per la maestosa tor­re circolare di uno dei più grandi e antichi forti dell’Oman e per l’immensa oasi di palme che si estende lungo il corso di due “wadi”, letti del fiume; e ancora i pittoreschi villaggi di Al Hamra e Msfah, il palazzo fortificato di Jardin con la su vi­sta spettacolare attraverso il deserto fino alle montagne, Jebel Akhdar, “la verde montagna”, che sale fino a quasi 3000 me­tri e ospita piantagioni di datteri, vallate e villaggi a terrazza come Bani Habib e Sharijah.

I profumi dell’oriente

Salalah, tra le più belle città del Golfo Persico, è la principale del Governatorato del Dhofar, regione a sud dell’Oman attra­versata dalla “Via dell’Incenso”, uno splendido paesaggio in­solitamente verdeggiante dove cresce l’albero senza foglie da cui si estrae la resina profumata che dà una qualità di incenso tra le più pregiate al mondo. Lambita dall’Oceano Indiano, cir­condata da montagne e rivestita di palme da cocco, Salalah ha un aspetto quasi tropicale, essendo l’unica zona sfiorata dal monsone. Da vistare le rovine di Al-Balid e il Souq di Al Hafah, famoso per la vendita di una favolosa qualità di incensi profu­mati. Lungo la costa di Salalah si susseguono incontaminate spiagge di sabbia fine a perdita d’occhio.